Test Intolleranze alimentari di 400 alimenti

Il test EAV GOLD è il test capostipite della medicina bioenergetica. Consiste nella unione di principi della medicina cinese, in particolare dell’agopuntura, avvalorati dalle scoperte della medicina quantistica e dalla biocibernetica.

Secondo la fisica, gli organismi umani reagiscono a singoli “quanti” elettromagnetici ed entrano in risonanza con certe frequenze. Inviando segnali elettromagnetici all’organismo, questi si propagano al suo interno lungo filamenti costituiti da centinaia di macromolecole. Le linee di conduzione coincidono con i meridiani dell’agopuntura; in caso di deposito di tossine nei tessuti, la circolazione dell’energia può subire interruzioni o blocchi. I meridiani, elettricamente conduttivi, vengono misurati con strumenti che ne testano la resistenza o la capacità elettrica.
Come si effettua il test di EAV
Durante l’esecuzione del test il paziente tiene in mano un elettrodo (polo negativo) mentre il medico preme un puntale (polo positivo) su punti dei meridiani; nel quadrante di misurazione vengono letti i valori energetici degli organi corrispondenti ai punti testati. In base alla storia clinica (anamnesi), il paziente, grazie ad un elettrodo posto sul polso, viene messo in contatto con sostanze chimiche, alimenti, farmaci e quanto necessario, di cui si misura la compatibilità o l’intolleranza con l’organismo del paziente stesso.

A cosa serve
Le patologie rappresentano la rottura di alcuni equilibri presenti nel nostro organismo sottoposto costantemente a fonti di stress (stressori) di varia natura: sedentarietà, infezioni, stress psicologici, elettrosmog, radioattività naturale, sostanze chimiche, inquinanti, additivi, farmaci, tossine naturali, “intolleranze” alimentari, allergeni domestici, variazioni climatiche.
Le sensibilità-intolleranze alimentari sono determinate dalla “rottura” della tolleranza orale e sono riconducibili sia a meccanismi immunologici che extra-immunologici come gli effetti irritativi o infiammatori sulla mucosa gastrica e/o intestinale.
Misurando la conducibilità dei punti di agopuntura distribuiti nel corpo umano, il test di EAV è in grado di valutare la funzionalità dei vari organi, grazie al livello di risonanza fra il segnale elettromagnetico emesso da una sostanza (per esempio il latte) e il punto del meridiano.

La terapia
La terapia dei molteplici disturbi legati a questi fenomeni consiste sia nella parziale o totale eliminazione, spesso temporanea, dei cibi in causa ma soprattutto nella ricostruzione di una adeguata flora batterica intestinale, nel drenaggio omotossicologico personalizzato, nell’inquadramento costituzionale del paziente, laddove possibile, nell’integrazione nutrizionale, se necessaria, e soprattutto nell’ascolto della storia clinica del paziente che viene preso in carico dal terapeuta e accompagnato verso la soluzione del problema.